Skupek – Beltram (Colludrozza / Koludrovca)

Aperta solitamente in due periodi, tra fine primavera e inizio estate, questa è un’osmiza molto frequentata che monopolizza il paese di Colludrozza attirando orde di turisti nei fine settimana (le aperture sono concordate con la vicina Sgonico, per evitare sovrapposizioni), ma vanta per il resto un ambiente molto pacifico, avvantaggiato dalla posizione naturale con vista su prati e colline, e che mescola abilmente la parte agricola a quella per i clienti, che si trovano seduti quasi in mezzo ai vigneti, in un tripudio di verdi che esaltano il sapore degli affettati (peccato solo che si permetta alle automobili di parcheggiare troppo vicino all’osmiza). Per fare le ordinazioni si entra nella penombra di un seminterrato quasi vuoto, ma non brutto, in cui campeggiano attrezzi agricoli dismessi e simili, nonché qualche animale impagliato. L’offerta è piuttosto ampia, e include varie verdure sott’olio, pesche col vino e liquore di Terrano. In una visita precedente mi era capitato di trovare degli affettati evidentemente appena tirati fuori da un frigo, il che dovrebbe essere tabù, ma quest’anno l’esperienza non si è ripetuta. La qualità delle vivande è sufficiente, con un ombolo un po’ anonimo, prosciutto arrosto abbastanza fiacco e una buona pancetta; discrete le melanzane sott’olio. Per quanto riguarda il vino, il giudizio di un nostro collaboratore esterno sulla Vitovska è positivo, mentre non abbiamo testato il rosso. Il servizio è rapido, pur con qualche inconveniente, viaggia su plastica e i prezzi sono nella media locale (a parte l’acqua, che salvo esplicita richiesta viene data in bottiglia e quindi fatta pagare anziché no). Il locale, nel complesso, ha i suoi difetti, ma vale una visita, specialmente per la grazia sonnolenta dell’ambiente.

Vivande: ***
Vino: ****
Ambiente: ****
Servizio: ***

Published in: on luglio 18, 2010 at 8:51 am  Lascia un commento