Kaučič (Vignano)

Aperta quest’anno [2014] in settembre, l’osmiza in questione si trova nel paesino di Vignano, piacevole enclave rurale in prossimità della zona industriale muggesana, verso i laghetti delle Noghere e la valle del Rio Ospo. I dintorni sono piacevolmente rurali, e la vista e l’udito non sono troppo offesi dalla macchina industriale, pur vicina. Seguendo una stradina in salita, si scorge un bel giardino sulla destra, dotato di attrezzi agricoli vecchio stile e di un portico temporaneo, e un edificio dalle ampie vetrate e l’interno ben curato. L’offerta è ampia per la zona, con un buon numero di affettati, sottaceti, palačinke e una frittata con la salsiccia da provare prima che gliela sequestrino. Un assaggio ha portato alla conclusione che gli affettati sono, per quanto abbiamo potuto accertare, di livello medio, con una pancetta gustosa seppure tagliata un po’ troppo spessa e un ombolo senza troppa personalità. La frittata (= uova strapazzate in triestino, per chi non lo sapesse) è assai soddisfacente, molto meno i sottaceti: i cetriolini arrivano evidentemente dal supermercato, mentre le olive sono locali ma frolle e amare al limite dell’accettabile (nel complesso, non è stata una buona annata per l’agricoltura). Il Refosco pare discreto ma l’assaggiatore non si reputa competente. Non abbiamo provato i dolci. Il servizio è sollecito, le vivande sono presentate su plastica, e i prezzi sono più bassi della media, specialmente se consideriamo che i prezzi di questa zona sono generalmente più alti di quelli delle osmize dell’altopiano. All’interno è anche disponibile miele da asporto. Nel complesso, produzione un po’ altalenante (anche se una visita non può bastare per una valutazione sicura) ma il locale vale una visita se non altro per l’ambiente.

Vivande: ***
Vino: ***
Ambiente: ****
Servizio: ****

 

Aggiornamento 2019. Sostanzialmente confermati i giudizi precedenti, e tolgo il punto di domanda al vino. Quest’anno sono stati disponibili anche insalata di patate e crostate, non provati. Gli affettati sono senza infamia e senza lode, ma la piacevolezza dell’ambiente dà loro quel condimento in più. Nota di merito per i prezzi più che onesti, cosa da non dare per scontata nella porzione sudorientale della provincia di Trieste.

Published in: on settembre 27, 2014 at 5:53 pm  Lascia un commento